Jurassic Park

Voto: Scheda film

Il parco dei dinosauri, immaginato nel romanzo di Crichton e creato da Spielberg per il cinema

Jurassic Park è un film del 1993 diretto da Steven Spielberg.

Il ricco magnate John Hammond costruisce in un’isola al largo della Costa Rica un parco naturalistico che ospita i dinosauri. Gli esemplari, ricreati grazie all’ingegneria genetica, dovrebbero costituire l’attrazione più importante. Prima dell’inaugurazione, Hammond decide di invitare una coppia di paleontologi, un matematico e un avvocato per mostrare in anteprima le stupefacenti attrazioni. Le cose non andranno come previsto.

Jurassic Park è un classico degli anni ’90, realizzato da Steven Spielberg e basato sull’omonimo romanzo di Michael Crichton. Come molti altri bambini all’epoca, ricordo che vidi il film in VHS e mi piacque, ricco come è di azione e sequenze spettacolari. Rivisto oggi ad oltre 25 anni di distanza, Jurassic Park rimane un buon film con pregi e alcuni difetti.

La storia scorre ed è sviluppata bene, la sceneggiatura è discreta. La suspence che Spielberg crea intorno ai dinosauri è funzionale e mantiene lo spettatore coinvolto per tutta la durata della pellicola. Lo sconcerto dei protagonisti che per la prima volta si trovano in contatto con questi animali preistorici, è reso bene.

Le scene d’azione nel complesso sono realizzate molto bene, Spielberg è noto per la sua particolare attenzione al dettaglio e per la sua indubbia abilità registica. Tra i momenti più iconici del film non si possono non ricordare i famosi passi del temibile Tyrannosaurus rex, che si riverberano in un bicchiere d’acqua appoggiato nel cruscotto di una delle jeep del parco, poco prima della sua apparizione sulla scena.

Gli effetti speciali del film furono realizzati dalla Industrial Light & Magic di George Lucas e furono sbalorditivi per l’epoca. Ancora oggi, nonostante gli anni, la computer grafica è di alto livello e non sfigura se paragonata a prodotti più recenti. Il merito è anche di un utilizzo intelligente di ambientazioni, effetti digitali e animatronic, questi ultimi utilizzati soprattutto per alcune scene ravvicinate dove venivano inquadrate solo parti degli animali.

Spielberg è stato anche intelligente nel mischiare spettacolarità e messaggio, la morale di Jurassic Park vuole avvertire verso un utilizzo fuori controllo delle tecnologie genetiche, che possono arrivare a produrre risultati sorprendenti, ma anche pericolosi.

Le iconiche musiche del film sono state composte da John Williams ed aggiungono la giusta nota di pathos ad alcune sequenze chiave del film.

Jurassic Park all’epoca ottenne 3 Oscar e fu un grande successo di pubblico, incassando in tutto il mondo più di 900 milioni di dollari. Furono prodotti due seguiti, Il mondo perduto – Jurassic Park (1997) e Jurassic Park III (2001).

In conclusione consiglio la visione di Jurassic Park a chi sia alla cerca di un buon film d’azione firmato Spielberg.