Salyut 7 – La storia di un’impresa

Voto: Scheda film

Storia romanzata del salvataggio della stazione spaziale sovietica Salyut 7

Salyut 7 – La storia di un’impresa è un film russo del 2017 diretto da Klim Shipenko.

Giugno 1985, il centro di controllo di Mosca perde i contatti con la stazione spaziale orbitante sovietica Salyut 7. Il guasto della stazione è grave e viene deciso l’invio di due cosmonauti per riparare il malfunzionamento scongiurando la perdita della stazione e un grande imbarazzo internazionale. La missione appare però da subito un’impresa disperata.

Salyut 7 è un film ispirato ad una storia vera, i due cosmonauti protagonisti Vladimir Fyodorov e Viktor Alyokhin hanno nomi di fantasia ma sono stati scritti sulla base dei due veri cosmonauti che furono incaricati di andare a recupare la stazione Salyut a bordo della Soyuz T-13.

La missione che i due devono affrontare appare da subito molto complicata. Nessuno ha mai tentato di attraccare ad una stazione fuori controllo in orbita e le probabilità di fallire sono altissime. I due protagonisti dovranno affrontare mille imprevisti in pieno stile Apollo 13 cercando a tutti i costi di completare la missione e tornare a casa sani e salvi.

Il film è realizzato tecnicamente bene, la fotografia è ottima, gli effetti speciali sono di buon livello, il ritmo è sostenuto. La ricostruzione degli interni della stazione spaziale e della Soyuz è fedele e mi ha ricordato quanto visto in Gravity.

Tra le sequenze visivamente spettacolari ricordo il decollo della Soyuz e il rendezvous con la Stalyut 7. Le scene in orbita terrestre sono interessanti e la regia si sofferma a volte nel mostrare tramonti orbitali e il colore mutevole della superficie terrestre visibile dallo spazio.

Il film non è comunque privo di difetti e in certi momenti enfatizza troppo l’eroismo dei protagonisti in alcuni momenti drammatici, spingendo un po’ troppo sulla propaganda in stile sovietico. Alla lunga questa scelta rende il lungometraggio a tratti noioso, almeno per me.

Salyut 7 ha in ogni caso il merito di raccontare una storia sconosciuta alla maggior parte della gente. Durante la Guerra Fredda poco si sapeva del programma spaziale sovietico anche vista la segretezza dovuta al periodo storico. Sorprendente da questo punto di vista come situazioni e problemi simili siano stati vissuti sia dagli americani sia dai sovietici magari in tempi diversi ma spesso con le stesse modalità.

Protagonisti di quest’epoca sono cosmonauti, ingegneri e tecnici di cui poco si sa, anche perché non ebbero l’esposizione mediatica dei loro colleghi statunitensi. Il film rende bene l’ammirevole dedizione dei protagonisti e la consapevolezza di trovarsi in una missione dalla quale avrebbero potuto non tornare.

Consiglio questo film soprattutto a quanti siano interessati alla storia del programma spaziale sovietico e agli amanti dei film sull’esplorazione umana nello spazio.