Star Wars: Episodio IX – L’Ascesa di Skywalker

Voto: Scheda film

Un finale sfilacciato e debole che dimostra la totale mancanza di idee nella conclusione della saga degli Skywalker

Videorecensione

Star Wars – L’ascesa di Skywalker è un film del 2019 diretto da J.J. Abrams, scritto dallo stesso regista e Chris Terrio.

L’Ascesa di Skywalker prosegue la storia di tutti i protagonisti della trilogia sequel di Guerre Stellari. Rey, Poe Dameron, Finn, Rose, la principessa Leila i due famosi droidi C-3PO e R2-D2 e il malvagio Kylo Ren. Questa nuova avventura li porterà nei territori oscuri della Galassia, nelle regioni sconosciute dove una voce minacciosa è ricomparsa dal nulla. Il redivivo signore Oscuro per eccellenza, l’imperatore Darth Sidious è tornato e dimora nel pianeta dei morti Exegol rivendicando il dominio della Galassia e minacciando di schiacciare definitivamente la Resistenza.

Trovo molto difficile scrivere qualcosa su questo film, premetto che aspettavo questo ultimo Star Wars con una certa ansia. Dall’episodio precedente, Gli Ultimi Jedi, ero rimasto coinvolto dalle vicende dei due protagonisti Rey e Kylo Ren e volevo vedere come andava a finire la loro storia più di ogni altra cosa portata avanti da questa ultima trilogia.

Ammetto che sono rimasto combattuto vedendo le prime recensioni di questo film tutte molto negative. Devo purtroppo ammettere che i commenti negativi avevano per la maggior parte ragione perché l’Ascesa di Skywalker è un film mediocre, lungo e a tratti noioso.

I problemi sono tanti, preferisco prima indicare gli aspetti positivi della pellicola. Sicuramente come generico film di fantascienza/fantasy questo Guerre Stellari può contare come anche i precedenti su effetti speciali ben curati, fotografia di buon livello e belle scenografie.

Il film è tecnicamente ben fatto e questo è uno degli aspetti più positivi. Le prove attoriali di Daisy Ridley e Adam Driver sono ottime solo grazie alla loro bravura. I due protagonisti bucano lo schermo e sono riusciti a conferire emozione in alcune scene madri del film.

Purtroppo gli aspetti positivi finiscono qui per me, l’Ascesa di Skywalker è un film che mi ha molto deluso. La trama è sfilacciata e ripetitiva, è palese che J.J. Abrams e Chris Terrio abbiano scritto una storia che da una parte ricalca ciò che già conosciamo dai tempi de Il ritorno dello Jedi e dall’altra pasticcia con personaggi e i loro vissuti, non considera ciò che sapevamo fino ad adesso e cambia le carte in tavola più volte. Tutto questo si traduce in un lungometraggio confuso, noioso, a tratti fastidioso.

rey poe finn-l'ascesa di skywalker
Una scena del film

A peggiorare le cose ci pensa un montaggio a mio parere pessimo. Va bene che l’azione deve essere supportata da un editing rapido per creare adrenalina e coinvolgere lo spettatore, ma qui si esagera. Tutti i primi 45 minuti di film sono troppo veloci, non si riesce a seguire bene il filo del discorso, sequenze diverse che coinvolgono i personaggi in pianeti differenti sono collegate da un montaggio frenetico che non fa altro che stordire.

Dopo la prima ora mi sentivo confuso per la velocità e il caos dovuto a sequenze d’azione anche carine ma messe insieme malissimo, il tutto condito da esplosioni, urla e musiche di John Williams combinate con lo scopo di frastornare lo spettatore.

Purtroppo anche la colonna sonora dell’amato compositore storico di Guerre Stellari in questo film risulta semplicemente esagerata. Sono belli i temi di Rey e Kylo Ren, ma in questo film non si riescono ad apprezzare perché inseriti in una baraonda continua senza tregua.

Alla fine la delusione è grande anche per i possibili sviluppi che la storia poteva potenzialmente avere e che non sono stati sfruttati. Episodio VIII – Gli Ultimi Jedi aveva delineato una storia che aveva dei risvolti molto interessanti. Rey non era figlia di nessuno, Kylo Ren era in bilico tra la luce e l’oscurità ed aveva ucciso il suo mentore Snoke, la Forza non era prerogativa dei Jedi e dei Sith. Le premesse erano buone ed andavano mantenute e sviluppate ma J.J. Abrams decide di fare un brusco dietro front e dare anche a Rey un passato eccellente riportando in vita l’Imperatore. Una mossa che suona come una sterzata brusca rispetto a Episodio VIII di Rian Johnson.

Una banalizzazione che rovina lo sviluppo della storia che evidentemente Johnson non condivideva con J.J. Abrams. Il risultato è ancora confusione da parte dello spettatore e una perdita di interesse nella storia dei nostri due personaggi. Anche le scene più intense che coinvolgono Rey e Kylo, se pur recitate bene, non riescono a dare quell’emozione che ci si aspetterebbe a causa della scrittura pessima.

Il momento della conversione di Kylo Ren che avviene dopo un feroce duello con Rey, rimane una bella scena ma il rapporto tra Rey e Kylo e il loro presunto coinvolgimento sentimentale non viene trattato e solo alla fine abbiamo una sequenza dove si palesa l’attrazione che però cade nel vuoto e sembra forzata.

Non vale la pena di citare molto altro di questo film perché tutte le altre sequenze a mio parere sono puro fan service. L’Imperatore, la nuova flotta Imperiale e il finale sono senza originalità e copiano male l’ispirazione originaria presente nei primi film della trilogia originale, scadendo anche nel trash in alcune sequenze a dir poco imbarazzanti.

In conclusione consiglio L’Ascesa di Skywalker solo a coloro vogliano sapere la (deludente) fine della storia tra Rey e Kylo Ren. In tutti gli altri casi non mi sento di raccomandare questo film.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *